Bentornato!
Non fai ancora parte della nostra community?
Fantasy
  |  
Fascia 16-19
L’ultimo ballo

Non riusciva a sentire il fruscio di cento abiti da ballo, i passi ritmici dei ballerini o i nobili spettegolanti. Le loro voci erano impossibili da ignorare, non importava quante porte avesse chiuso e quanto in profondità nelle sue coperte si fosse seppellito. E pensare che ci sarebbe stato un giorno in cui gli sarebbe importato davvero di quello che pensava la nobiltà.

La sala da ballo era silenziosa. Frian rimase immobile nel corridoio, ascoltando i mormorii silenziosi dei camerieri, il tintinnio dei piatti, il leggero strimpellare degli strumenti. Tutto ciò che si era aspettato, ma non c’erano altri suoni di accompagnamento. Per quanto sforzasse le orecchie, non riusciva a sentire il fruscio di cento abiti da ballo, i passi ritmici dei ballerini o i nobili spettegolanti. Erano stati tutti presenti ore prima. Mentre scendeva le scale, la vista davanti a lui confermò ciò che sapeva già. Il lungo tavolo pieno di gustosi bocconcini e dolci zuccherini era vuoto, i maggiordomi piegavano con cura la sua tovaglia. Solo i musicisti erano ancora seduti sul palco, gli strumenti suonavano una ballata dolce. Senza dubbio stavano aspettando il pagamento prima di fare i bagagli. Forse poteva farlo, se non altro per rimediare a tutto il resto. In silenzio, attraversò la sala da ballo e si diresse verso il balcone. Una fresca brezza lo colpì, rabbrividì. Le colline si stendevano davanti a lui. Un po’ più in là, poteva vedere le lanterne delle carrozze mentre i loro ospiti tornavano a casa, come piccole lucciole che svolazzano nel buio. Osservò il flusso regolare. Un fruscio di seta gli accarezzò le orecchie, disturbandolo a meditare. Alzò lo sguardo e vide Oddlyn che gli sorrideva teneramente. Per una volta, i suoi capelli non gli impedirono di vedere il suo viso.
«Freddo?»
«No» mormorò, sentendosi accaldare sotto il suo sguardo. Le sue orecchie bruciavano per qualcosa di così semplice; era un bene che non ci fosse nessun altro in giro. Quando le avvolse un braccio intorno alla spalla, tirandola vicino, lei si appoggiò a lui. Erano soli, poteva permettersi questa debolezza. «Mi dispiace di averti dovuto lasciare così»
«Non c’è bisogno di scuse. Inoltre, questo è stato difficile per me quanto per te. Sono solo contenta che ti sia ripreso» nonostante tutte le sue parole fantasiose e i suoi nobili ideali, era sorprendentemente umile quando si trattava di questioni come quelle.
«Oddlyn?»
«Sì?» le sorrise innocentemente. A volte era difficile discutere con lei quando lo guardava in quel modo: pieno di adorazione, come se la sua compagnia fosse tutto ciò di cui aveva bisogno.
«Non è solo oggi. Ti ho lasciato sola a queste funzioni il più delle volte. Io sono…» Frian sospirò. Alcuni giorni, si sentiva ancora più fragile di prima. «Pensavo di essere più forte ormai».
«Non dire sciocchezze» nonostante il suo tono severo, l’espressione di Oddlyn era ancora dolce. «Sei una delle persone più forti che conosco. Hai litigato con diplomatici e nobili senza tirarti indietro. Non c’è niente di sbagliato nel bisogno di una pausa. È giusto così» avrebbe dovuto ignorare quella parte della frase, concentrandosi invece sulla sua lode. Eppure tutto ciò che poteva sentire erano gli echi delle discussioni passate, tutto ciò che poteva vedere erano le notti che aveva passato a pensare a cosa fare un minuto dopo. C’era una ragione per cui Frian non si era mai occupato degli aspetti più fini della diplomazia.
«È giusto? Vuoi dire a me cos’è giusto?» Oddlyn allungò la mano per tirare i nastri che tenevano legate alcune ciocche di capelli, attenta a evitare gli altri spilli. Quando i nastri le caddero dalle le mani, li fissò senza espressione. Si allontanò dalla sua presa, incrociò le braccia e aggrottò la fronte.
«Quanto tempo hai impiegato per organizzare questo incontro?» il sorriso di Frian si spense leggermente, la sua espressione desolata mentre la lasciava andare.
«Quello… ho passato tutto il tempo che ho avuto da quando siamo tornati.»
«E quante notti sei andato a letto dopo mezzanotte?» Frian si accigliò mentre cercava di eludere il problema. «Non è salutare.»
«Se è così, allora devo insistere per non farti passare le notti in biblioteca. Ti stancherai gli occhi se continui a leggere a lume di candela.»
«Che cosa?» sbottò Oddlyn, la bocca spalancata.
«Sei tu quello con un paio di occhiali segreti.»
«Quello…» borbottò Frian, gli occhi sgranati per la sorpresa. «Lyo.»
«Non importa chi me l’ha detto» Oddlyn si mise le mani sui fianchi. «Passi troppo tempo sui tuoi documenti, non credere che non abbia notato le borse sotto i tuoi occhi. Non dormi nemmeno per qualche giorno!»
«Quando eri malata, insistevi ancora per rileggere i racconti» fece notare il ragazzo, la sua voce normalmente placida che si alzava per abbinarsi a quella di Oddlyn. «Nonostante gli ordini del dottore…» Frian si interruppe, distogliendo lo sguardo.
«Frian?» dopo un momento, il ragazzo ridacchiò, spazzolando indietro i suoi capelli scuri. Le sue guance erano di un rosso pallido quando ammise tranquillamente: «È incredibile quanto non riesca a smettere di volerti bene, Oddlyn» si maledisse subito per aver espresso i suoi pensieri in modo così diretto. Oddlyn arrossì immediatamente, aprendo e chiudendo la
bocca come quella di un pesce rosso. La ragazza premette le sue mani fredde contro le proprie guance nel futile tentativo di combattere il suo rossore.
«Cosa c’entra questo?» era difficile sembrare dignitoso quando il suo corpo si rifiutava di collaborare.
«C’entra eccome» Frian iniziò a rilassarsi mentre Oddlyn rideva, allontanando delicatamente la mano dalla propria bocca. «Guardaci, litighiamo sulla salute dell’altro. Nessuno di noi ascolta il consiglio che ci diamo.»
«Questo è…» Frian si fissò le mani, incapace di confutare il suo punto di vista. Erano entrambi testardi.
«Fare come dico, non come faccio? Quando la metti in questo modo… non c’è da meravigliarsi se continuiamo ad avere lo stesso problema più e più volte» Oddlyn annuì, le sue spalle ancora tremanti per il divertimento.
«Siamo una coppia di ipocriti.»
«Non andrei così nel preciso… ma sì» Frian sospirò. Erano andati molto fuori strada da quello che avrebbe voluto dire in primo luogo. «Non avevo intenzione di discutere. Come stavo dicendo prima, grazie.» Oddlyn annuì. «Qualunque sia la ragione, continuo a lasciarti solo per queste riunioni. Per quanto siano sciocchi, non mi dispiace molto quando mi sostituisci» spiegò onestamente. Teneva gli occhi fissi su quelli della ragazza. «So quanto sono utili politicamente… un giorno… ti aiuterò.»
«Frian…» il sorriso di Oddlyn era più contenuto, ora, ma sembrava più reale. «Io..» all’improvviso Frian si rese conto che era troppo: la sua espressione, le sue parole, tutto. Imbarazzato, fece un passo indietro.
«Beh…» si schiarì la gola. «Dovremmo pagare i musicisti e lasciarli andare» mentre si voltava, la mano di Oddlyn gli afferrò il polso, facendolo fermare. Ancora troppo mortificato per guardarla, mormorò: «Cosa c’è?»
«C’è un’ultima cosa che vorrei fare prima che se ne vadano» rispose la ragazza. Confuso, Frian la guardò.
«Davvero?»
«Sì» Oddlyn li lasciò il polso. Chinandosi leggermente in avanti, tese una mano. «Ti avevo promesso l’ultimo ballo, ricordi? Sei anni fa.»
«Ma…»
«È un ballo privato, come quelli con Lyo» con il cuore in gola, Frian annuì timidamente.
«Cercherò di non pestarti i piedi» mormorò, mentre la riportava nella sala da ballo.
«Non mi interessa se lo fai. Ero abituata» rispose Oddlyn, con un leggero sorriso, segnalando ai musicisti di iniziare a suonare un valzer lento. Adesso erano solo loro due, il pavimento era sgombro da tutti e da tutto il resto. Le candele illuminavano la stanza. Per tutto il tempo, Frian mantenne una presa salda sulla mano di Oddlyn, senza mai lasciarla andare per più di un secondo mentre lei gli girava intorno, come facevano da piccoli. Per chiunque, stavano semplicemente ondeggiando con il maltempo. Mentre entravano e uscivano dall’ombra, allontanandosi sempre più dai musicisti, la luna era il loro unico testimone. Per una volta non c’erano ospiti da guardare. Per una volta, il personale non era nella stanza. Erano solo loro due. Era una scusa, ma Frian aveva sempre avuto bisogno di scuse per azioni imbarazzanti. Una risata incredula e il cuore del ragazzo fu sopraffatto da quanto fosse carina la risata di Oddlyn. Si sporse in avanti e si imbatterono in quello che Frian supponeva fosse un bacio. Non aveva mai baciato nessuno prima. Tutti i suoi fardelli, i suoi sensi di colpa, le sue paure, furono spazzati via. Il battito del cuore gli invase i timpani. A Frian importava solo quanto luminosi gli occhi di Oddlyn brillassero così vicini ai suoi. In quel momento, c’era solo la ragazza nel suo cuore.

Pubblicato: 24 Marzo 2022
Fascia: 16-19
Commenti
Alice Ferrari
Ho apprezzato molto il racconto, nonostante alcuni concetti non siano stati esposti con chiarezza e precisione; tuttavia le descrizioni della coppia di nobili e l’imbarazzo nelle loro azioni rendono il tutto più romantico e dolce, permettendomi di entrare nella storia con molta disinvoltura.
06 giugno 2022 • 18:25
Gaia Sanfilippo
Le descrizioni mi hanno completamente catturata, seppur in poche parole mi sono sentita quasi dentro la storia a danzare e volteggiare insieme a qualche gruppo di nobili. La storia in se mi ha preso molto, non tutti i concetti mi sono stati chiari, ma davanti a descrizioni come queste sono cose che passano in secondo piano.
23 maggio 2022 • 18:43
Maria Giovanna Duranti
Non è un racconto perfetto, alcuni punti potrebbero essere delineati meglio e la comprensione non è sempre chiara. Tuttavia la storia e il modo in cui è descritta sono originali e coinvolgenti. Ho apprezzato molto il racconto.
21 maggio 2022 • 16:00